Esodandi

Della Provincia ormai si parla solo perché “non paga i conti”: niente investimento in Expo (ci dovrà pensare il Governo che aveva garantito 60 milioni che non ha ancora versato), niente fondi per la Scala.

Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano

Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano

D’altronde, in applicazione della Legge Delrio, le competenze delle Province dovrebbero passare a Regioni e Città metropolitane e con esse beni, investimenti e personale. Con modalità abbastanza confuse, visto che la Provincia è già costretta a mancare ai propri impegni mentre non si capisce chi debba farvi fronte.

E nessuno vuole, apparentemente, riassorbirne il personale. In Lombardia sono 2.850 dipendenti: inserirli nell’organico della Regione significherebbe raddoppiarne, praticamente, il numero (e i costi). Inoltre, la Legge di Stabilità stabilisce che le Regioni debbano farsi carico del personale delle Province semplicemente rinunciando al turnover, un’operazione che durerebbe non mesi, ma anni.

Se anche si superasse l’ostacolo, le risorse per pagare i nuovi stipendi nella casse della Regione non ci sono e, se le si reperissero, potrebbero essere stanziate solo in base a una nuova legislazione che resta tutta da definire, per la Regione come per la Città metropolitana.

Nell’attesa, le Province dovrebbero continuare a pagare i propri dipendenti nella lunga fase di transizione da un ente all’altro, sia quelli che continueranno ad avere incarichi, sia quelli assegnati a servzi passati alle competenze di Regione e Città metropolitana. Ma attingendo a quali risorse?

La situazione, giustamente, molto preoccupa i sindacati che sollecitano risposte dal Parlamento temendo che si stiano creando le premesse per un nuovo caso esodati che, a livello nazionale, coinvolgerebbe 20mila persone.

Se la “ristrutturazione” delle Province doveva contribuire a tagliare i costi della politica e semplificare la struttura della pubblica amministrazione, non sembra che l’obiettivo sia a portata di mano.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...