Scaricabarile

La Legge di Stabilità impone tagli pesanti agli enti locali che gli amministratori ritengono impossibile garantire se non riducendo i servizi o aumentandone i costi. L’ipotesi di mettere mano alla razionalizzazione della propria spesa, a partire da quella per funzionari e dirigenti, piuttosto che al disboscamento della giunga delle controllate e partecipate, per passare alle centrali uniche d’acquisto, non sembra all’ordine del giorno. Anzi, dal livello regionale (la più ipertrofica e screditata fra le amministrazioni locali) si è già messa in moto una strategia per “compensare” il taglio dei contributi statali con i soldi dei cittadini.

lombardia1A prescindere dalla constatazione che così il debito pubblico non calerà mai, c’è da notare come i tagli tendano a venir trasferiti da un ente all’altro a evitare di assumersene ogni responsabilità diretta. Così, ad esempio, la Regione Lombardia “gira” tagli per 150 milioni su comuni e province (della cui attuale struttura di bilancio nessuno può oggi dirsi certo) riducendo il proprio contributo al trasporto locale.

Per Milano questo significa veder ridotte le proprie risorse di 40 milioni di euro da aggiungere ai 60 di minori introiti già previsti per effetto della Legge di Stabilità. Ammesso che questa avesse una qualche razionalità almeno nella ripartizione dei tagli ai vari livelli delle amministrazioni locali, con questo “trucco” contabile il suo profilo viene completamente snaturato, permettendo alla Regione di mantenere la promessa di non mettere mano a tasse e tariffe, ma costringendo i Comuni a farlo. Senza alcun rischio politico, poiché il massimo che possono fare i Comuni è protestare prima che lo facciano, ma contro i loro sindaci, gli elettori.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...