Uscire dalle emergenze

Se non ci fossero case da occupare, non ci sarebbero occupazioni. L’attuale emergenza è tale dunque, perché l’amministrazione pubblica, per anni, si è dimostrata incapace di gestire il proprio patrimonio immobiliare. Piuttosto che dibattere se per contrastare le occupazioni sia più adatto l’esercito o la polizia urbana, dovrebbe essere questo il punto di partenza del dibattito pubblico.

CARICHE_A_MILANOL’accordo, faticosamente raggiunto tra Regione, Aler e Comune per affrontare l’emergenza occupazioni nelle case popolari dovrebbe poter essere valutato non in base al numero degli sfratti programmati che si effettueranno realmente, ma sulla capacità di riassegnare quegli stessi alloggi a chi ne ha effettivamente diritto e renderne altri rapidamente accessibili a chi da anni è in lista d’attesa. Tenendo ben presente che le risorse impiegate negli sgomberi (5mila euro per ogni intervento, secondo stime affidabili) sono sottratte alla normale gestione degli immobili, così che “uscire dall’emergenza” per le amministrazioni significa anche “risparmiare”.

Comune e Regione si sono dati strumenti diversi per tornare alla normalità: l’affido della gestione del patrimonio immobiliare a Mm da una parte e la ristrutturazione di Aler dall’altra. Saranno prima di tutto gli assegnatari a valutare quale delle opposte soluzioni si rivelerà più efficiente, ma il principale banco di prova resterà la capacità di assolvere al mandato “istituzionale” di dare un’abitazione a chi ne ha bisogno e diritto, un principio al quale ci si è dolosamente sottratti per lustri preparando gli esiti che oggi sono sotto gli occhi di tutti.

Così come in politica non esistono i vuoti, anche nelle città i vuoti si riempiono che siano case, ex fabbriche o aree abbandonate. E non basta sgomberarli per “governarli”.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...