Sentenze d’azzardo

La cronaca della battaglia ingaggiata dal Comune di Milano contro le sale slot è quella di una guerriglia con continui rivolgimenti di fronte.

slotterIl 16 ottobre, Repubblica Milano titolava in prima pagina: «Tagliato l’orario di apertura alle sale slot e scommesse». Avrebbero potuto restare aperte solo 8 ore al giorno. Due giorni dopo i gestori replicavano: «Faremo causa al Comune». Oggi il Tar ha dato loro ragione: lo stop porterebbe un danno alle imprese senza un motivato interesse pubblico. Quell’interesse pubblico, cioè «difendere i cittadini dalla grave emergenza delle ludopatie», che lo stesso Tar  due giorni fa aveva ritenuto sufficiente a confermare la chiusura disposta dal Comune della sala di via Astesani, ma non, il 24 ottobre, di quella di corso Vercelli che riteneva fondata su «mere presunzioni che costituiscono espressione di una aprioristica avversione nei confronti del gioco e delle scommesse». Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato e poi alla Corte Costituzionale sostenendo che la legge affida solo all’Ente locale la competenza sull’apertura delle sale giochi. Per non dire della legge regionale che pure ne vorrebbe limitare le attività.

Un bilancio, provvisorio, delle ordinanze racconta che, nel corso della sua guerriglia, il Comune è riuscito a far chiudere 11 sale, ma, come nel caso di quella di corso Vercelli, anche per viale Corsica si attende l’esito del giudizio del Consiglio di Stato. E non sarebbe incredibile attendersi sentenze che si contraddicono a vicenda.

Dal che si può concludere che l’attuale normativa messa a punto a livello locale conceda al magistrato amplissima libertà di giudizio. E che dunque, malgrado tutte le assicurazioni contrarie, non sia adeguata a limitare il fenomeno come tutti vorrebbero. Tutti, tranne, naturalmente i gestori, ma forse anche il Ministero delle Finanze che si assicura col gioco e le scommesse introiti consistenti.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...